A seguito della strage di Parigi commessa dall’Isis, il governo francese ha annunciato che avrebbe proibito grandi dimostrazioni in occasione della conferenza internazionale sul clima di novembre e dicembre. Le organizzazioni giovanili di sinistra europee trovano questa decisione scioccante e chiedono al governo francese di permettere queste dimostrazioni.
Come i problemi delle guerre e dei pericoli causate da organizzazioni fasciste come Daesh, il cambiamento climatico è uno dei temi più scottanti dell’attualità. Queste tematiche sono fortemente connesse, laddove caos e povertà causate dai problemi climatici offrono una base per le operazioni di organizzazioni fasciste come Daesh. È quindi fondamentale,con ogni sforzo, trovare un accordo internazionale sul clima.

Il cambiamento climatico non può essere combattuto senza un largo consenso e solidarietà internazionale, non solo tra le elite politiche ma anche nel largo ambito delle società di tutti i paesi. Come organizzazioni giovanili di sinistra, crediamo che sia essenziale che tutta la società e le sue rappresentanze sociali partecipino ai processi di accordo, non solo attraverso le Ong ma anche attraverso dimostrazioni pubbliche di sostegno e di critica costruttiva.
Organizzazioni fasciste come Isis (Daesh) vogliono creare un’atmosfera di paura e discordia, dove i governi offrono molto alla propaganda dell’Isis limitando le libertà civili alle persone nei loro paesi. Libertà di parola e diritto di manifestare sono valori essenziali della democrazia,e bandirli significa semplicemente darla vinta all’autoritarismo reazionario di Daesh. Ci appelliamo al governo francese non solo affinché garantisca il supporto all’attuale marcia sul clima, ma anche per garantire libertà di parola e di manifestazione durante i prossimi mesi, poiché non solo per la questione ambientale, ma anche per i problemi della guerra in medio oriente e del controllo nelle nostre società, è necessaria la voce dei popoli, che non devono vedere calpestati i loro diritti.

European Left Youth: We cannot allow terror to silence democracy

Due to the recent Daesh strikes in Paris, the French government has announced it will forbid large demonstrations connected to the international climate conference in November and December. European left-wing youth organizations find this decision shocking and demand the French government to allow these demonstrations.

Like questions of war and the dangers caused by fascist organizations such as Daesh, climate change is one of the most burning issues of the day. These issues are very much interconnected, as the chaos and poverty caused by climate change offer a basis for the operations of fascist organizations such as Daesh. As such, all effort is needed to find a binding, international climate agreement.

Climate change cannot be fought without a wide consensus and solidarity, not only among the political elites but also among the wider civil society. As left-wing youth organizations, we believe it is essential that the civil society is allowed to participate in the climate agreement process, not only through NGOs but also through demonstrations of public will for a binding, forceful climate agreement.

Fascist organizations like Daesh wish to create an atmosphere of fear and discord, where various governments would offer more tools for Daesh’s propaganda by limiting the essential civil freedoms of the people in their countries. Freedom of speech and right of demonstration are essential democratic values, and giving up on them would thus play right into Daesh’s hand.

We call on the French government to not only allow again and offer its utmost support to the climate marches, but also to guarantee the freedom of speech and protest during the coming months, as large decisions are made concerning not only the issue of environment but also the correct way to respond to the crisis in the Middle East and the issues of war and social control, Such decisions cannot be made without the right of the people to voice their opinion.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone
, , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from CòmInfo

Lascia un commento