Un bilancio disastroso è quello che viene fuori dai riscontri del progetto “Garanzia Giovani”: a quanto ci dicono i dati, l’unica garanzia data alla nostra generazione da questa iniziativa, lodata a più non posso dal ministro del Lavoro, ex capo del mondo cooperativo, è quella del licenziamento.

E’ particolarmente vergognoso che, a seguito di una pioggia di finanziamenti alle impresa, venga permesso di licenziare agevolmente centinaia di migliaia di giovani, dopo averne sfruttato intelligenza e lavoro.

Da un report dell’Istituto per lo Sviluppo della formazione professionale dei lavoratori (Isfol) emerge che, a fronte della partecipazione di quasi un milione di ragazzi al progetto, solo 32 mila (il 3,7% complessivo) hanno poi trovato un lavoro duraturo, che peraltro – con il nuovo contratto a tutele “crescenti”, ma sarebbe più corretto dire “assenti”,-  non significa assolutamente più nulla dal punto di vista delle tutele del lavoro. Il progetto ha previsto un finanziamento di 36.000 euro ad impresa per ciascun giovane “assunto” nell’ambito della Garanzia Giovani.

Ebbene ci chiediamo: cosa viene fuori dall’esborso di questo cumulo di denaro pubblico verso le imprese italiane?

Semplice: una montagna di disoccupazione giovanile che non è stata minimamente scalfita ed una crisi che continua e si avvita su se stessa, vista l’assenza di qualsivoglia intervento pubblico di lungo periodo e che, nella migliore delle ipotesi, riduce un’ intera generazione schiava della precarietà.

Chiediamo a Renzi: è questo il rinnovamento che tanto decanta? A noi sembra che l’assenza di garanzia sul futuro dei giovani, la cancellazione del contratto di lavoro a tempo indeterminato e dei diritti delle nuove generazioni, in balia delle logiche di sfruttamento e del mercato, puzzi di vecchio marcio.

Gli consigliamo di mettere questi dati su slides colorate nelle prossime conferenze stampa, potrebbe persino lui arrivare a capire il fallimento totale del suo governo.

 

Francesco Valerio della Croce

coordinamento nazionale prov. FGCI

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone
Similar Posts
Latest Posts from CòmInfo

Lascia un commento