Dichiarazione di Luca Cangemi e Salvatore Ferraro, responsabili nazionali scuola e università del Partito Comunista Italiano e della Federazione Giovanile Comunista Italiana.

Anche quest’anno il MIUR e il CONI hanno realizzato il Progetto Sport di Classe rivolto ai laureati in Scienze Motorie, progetto finalizzato all’educazione fisica nella scuola primaria, che fa eco ai già passati progetti di alfabetizzazione motoria. Ormai da anni si parla dell’educazione fisica nelle scuole primarie ma a prova dei fatti restano solo chiacchiere e questo progetto è solo uno specchietto per le allodole.

Con questo progetto si inventa la figura del Tutor che verrà affiancato durante l’attività da un docente, il che è mortificante. Il Tutor sarà impegnato 12 ore per classe con un massimo di 20 classi, retribuite a 15 euro l’ora per un totale massimo di 3600 euro. Poche ore e malpagate, quindi.

Una scelta ingiusta per i giovani laureati e che non assicura una presenza dignitosa della cultura fisica e sportiva nella scuola primaria. Il Progetto sport di classe non farà nient’altro che ingrassare le Casse del Coni.

Riteniamo inaccettabile l’elargizione di paghette striminzite alla fine di un percorso universitario, pensiamo che eventuali progetti devono essere svolti esclusivamente dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca senza intermediari, ci battiamo per la valorizzare della figura del Laureato in Scienze Motorie e per istituire il docente di educazione fisica nella Scuola Primaria.

Le potenzialità dell’educazione fisica sono innumerevoli non soltanto per la crescita psicomotoria dei bambini o per l’inclusione sociale; bisogna capire che l’educazione fisica e l’attività sportiva sono utili per la prevenzione e la lotta a diversi tipi di patologie e quindi, uno strumento utile per l’abbattimento della spesa pubblica in sanità.

Ministri Giannini e Lorenzin, senza remore, vi bocciamo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone
, , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from CòmInfo

Lascia un commento