Mario Draghi, President of the European Central Bank, speaks while German Finance Minister Wolfgang Schaeuble, sits next to him during a session at the World Economic Forum in Davos, Switzerland, Saturday, Jan. 25, 2014.   (AP Photo/Michel Euler)

Tra terrorismo dei mercati e dichiarazioni estere a sostegno di Renzi stiamo assistendo ad una sequela di attacchi senza precedenti alla sovranità popolare e nazionale nel nostro Paese – è quanto dichiara Francesco della Croce, Segretario Nazionale della Federazione Giovanile Comunista Italiana – sono di ieri le dichiarazioni del ministro delle finanze tedesco Schaeble a favore di Renzi e le notizie di un “intervento” della BCE in caso di vittoria democratica del No, ma già dall’ingerenza – continua Della Croce – dell’ambasciatore americano a Roma avevamo immaginato che questa campagna elettorale sarebbe stata caratterizzata da una forte pressione dall’esterno, ma oggi stiamo assistendo ad uno spettacolo indecente. Tra mercati e dichiarazioni di Istituzioni straniere, a tutti noi diventa chiara la vera portata del referendum e l’oggetto vero del voto: la nostra sovranità popolare.
Se Renzi fosse un degno rappresentante delle Istituzioni sovrane dell’Italia dovrebbe immediatamente prendere le distanze da tutto ciò e condannare le ingerenze negli affari italiani. Ma da lui non ci aspettiamo nulla – conclude il Segretario della FGCI – ed è per questo che toccherà al popolo italiano riaffermare la propria sovranità con una vittoria netta del NO.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone
, , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from CòmInfo

Lascia un commento