camila-vallejo-cile

La deputata ha detto che nel prossimo governo bisognerà procedere verso un “cambio di modello di sviluppo”, perché a suo dire “i lavoratori non godono i frutti del loro lavoro”.

Fonte originale: http://www.eldinamo.cl/nacional/2017/01/15/camila-vallejo-jornada-laboral/

Camilla Vallejo ci ha fornito una sua analisi del Governo Bachelet a quasi due mesi dal raggiungimento dei tre anni di governo. Ha sottolineato soprattutto il progetto che ha concesso agevolazioni gratuite  alla gioventù più povera del paese.

La deputata ha dichiarato che insieme al  governo “abbiamo fatto progressi anche grazie a riforme politiche e sociali che sono state importanti e che forse non sono rese visibili. Per esempio mi riferisco al fatto di essere riusciti a garantire ai figli di famiglie bisognose studi superiori gratuiti. Questo è un cambiamento sostanziale.”

Tuttavia, non ci si sottrae ad ammettere le difficoltà che esistono all’interno della Nuova Maggioranza per realizzare le varie riforme dell’esecutivo, a causa del problema politico che esiste per quanto riguarda la direzionalità da dare ai vari progetti.

“Se dobbiamo pensare di progettare un secondo Governo di Nuova Maggioranza del centro-sinistra (il centro-sinistra qui inteso è una coalizione progressista cilena, che non ha nulla a che vedere con il centrosinistra liberista come quello italiano ndr), da come dichiarato dalla stessa senatrice Goic, è necessario un centrosinistra che sia davvero tale, e non un centro-destra di fatto, dove molte posizioni politiche confinano appunto con la destra”, ha dichiarato la Vallejo.

In una recente intervista  la deputata ha fornito il suo punto di vista  su ciò che non dovrebbe succedere nella nuova amministrazione che succederà a  Michelle Bachelet.

A questo proposito, Camilla Vallejo ha detto che “dobbiamo evitare la  restaurazione  conservatrice che si sta cercando di instaurare e che si sta verificando in America Latina ed in tutto il mondo, con colpi di stato apparentemente blandi, con  leadership della destra populista. Lo vediamo in Argentina, lo si vede negli Stati Uniti, con Donald Trump “.

D’altra parte, la parlamentare ex dirigente studentesca, ha detto che “ciò che si  dovrebbe fare nel prossimo governo ha necessariamente che fare con il cambiamento del modello di sviluppo. Esiste un problema brutale ad esempio in ambito lavorativo che si esprime con una disuguaglianza e che trae origine dal fatto che i lavoratori non godono i frutti delle loro fatiche, e questo finisce con l’aumentare la concentrazione della ricchezza. Occorre quindi accorciare la giornata lavorativa per potersi occupare di altre cose, come ad esempio godersi la famiglia. Deve esserci un cambiamento nella matrice produttiva, con maggiore industrializzazione più sostenibile e con maggiori investimenti nella ricerca scientifica e nella tecnologia”.

traduzione a cura di Erman Dovis

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone
, , ,
Similar Posts
Latest Posts from CòmInfo

Lascia un commento