Milleproroghe, Taxi e Uber. Monti (FGCI): “Basta disparità. Il governo decida invece di prorogare all’infinito”

di Nicolò Monti, Resp. Organizzazione e Comunicazione FGCI nazionale

In queste ore al Senato si sta votando il decreto Milleproroghe e per l’ennesima volta si è deciso di non decidere riguardo la spinosa questione di Uber, il servizio taxi molto discusso dai tradizionali tassisti.
Uber – a tutt’oggi – non prevede licenze, tassazione, requisiti e obblighi di servizio pari a quelle dei normali tassisti che lavorano sul territorio nazionale.

I tassisti scesi in piazza oggi hanno pienamente ragione a chiedere una parità di trattamento, non è possibile continuare con una concorrenza così sbilanciata per intero dalla parte di Uber.
O si impongono ad Uber gli stessi requisiti e trattamenti che hanno i normali tassisti, oppure si tolgano ai tassisti gli obblighi che Uber non ha. Il governo, invece di prorogare all’infinito il problema senza mai risolverlo, prenda finalmente una decisione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone