25 aprile, Della Croce (Fgci): atti del Pd lo rendono estraneo a memoria storica e lotta antifascista

Nel giro di poche ore, il Pd ha posto in essere atti che lo rendono estraneo alla memoria storia e alla lotta antifascista – è quanto dichiara Francesco Valerio della Croce, Segretario nazionale della Federazione Giovanile Comunista Italiana (Fgci) – Facciamo riferimento – continua il Segretario della Fgci – al consenso prestato di fatto dal sindaco di Milano, Sala (Pd) ad una celebrazione apertamente fascista nella città il giorno della Festa della Liberazione dal nazifascismo e all’attacco arrivato all’ANPI, a cui i comunisti esprimono solidarietà, dal Pd di Roma che ha annunciato di disertare le celebrazioni a causa della polemica strumentale della Comunità ebraica nei confronti delle legittime istanze della Comunità palestinese, vittima da decenni di una occupazione inumana e atroce, un popolo – quello Palestinese – verso cui rinnoviamo il nostro sostegno e la nostra assoluta solidarietà internazionalista e antimperialista.

Tutto questo accade in due grandi città, Medaglie d’oro alla Resistenza. Il Pd – conclude Della Croce – offende la memoria della lotta partigiana e  si pone in questo modo lontano dai valori dell’antifascismo, della solidarietà e del rispetto della libertà dei popoli.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone