Dopo le violenze e i tentativi di rovesciamento antidemocratici delle opposizioni al governo venezuelano e delle sue frange neofasciste, volti ad impedire il voto libero, democratico e a suffragio universale per l’elezione dell’ Assemblea Costituente in Venezuela, sembra essere calato un silenzio curioso, da parte dei nostri media, su quanto accade oggi in Venezuela. Nel Paese guidato dal presidente Nicolas Maduro è tornata una situazione pacifica, sono state anticipate al prossimo ottobre le elezioni regionali (competizioni a cui parteciperanno decine di partiti e movimenti, opposizioni comprese) e la Costituente ha cominciato i suoi lavori.

Ma quello che è accaduto nelle settimane scorse e le minacce ancor più recenti arrivate da Donald Trump contro la sovranità popolare venezuelana non sono state certo dimenticate o sottovalutate dai venezuelani. Il Secondo Vicepresidente del’Assemblea Nazionale Costituente e Ambasciatore venezuelano in Italia, Isaìas Rodriguez, ha richiamato l’attenzione recentemente sul ruolo di contenimento svolto dal popolo venezuelano nei confronti di un movimento fascista che vuole, con la violenza, appropriarsi del mondo.

C’è un presidente legato direttamente e concretamente con i movimenti più conservatori, più violatori dei Diritti Umani che in nessun altra parte del mondo.” – ha dichiarato Rodriguez al Parco Ezeguiel Zamora de Calvaio, a Caracas, in occasione della pubblica udienza della Commissione Costituente per la Verità e la Giustizia con le vittime della violenza terrorista della destra  – “Il neofascismo, specialmente negli USA,  ha oggi un leader, il presidente degli Stati Uniti, ed è il neofascismo quello che sta tentando di assediare l’America Latina e specialmente il Venezuela.”

“Con assoluta certezza, qui ci sarà un fronte di resistenza permanente e noi, con sicurezza, vinceremo come si è vinto in Vietnam e a Cuba“, riferendosi alla lotta armata e alla resistenza antimperialista dei due popoli che nel XX secolo affrontarono l’aggressione armata, politica ed economica e ne uscirono vincitori.”

Più volte, Rodriguez ha affermato che il neofascismo sta dando una svolta negativa nelle dinamiche mondiali e la sua espressione più pericolosa è rappresentata dal carattere neofascista del governo statunitense.

 

La redazione

 

Fonte: radiomundial.com.ve

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone
, , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from CòmInfo

Lascia un commento