Home in evidenza La FGCI aderisce alla manifestazione del 12 ottobre!

La FGCI aderisce alla manifestazione del 12 ottobre!

Il 12 Ottobre è la data designata per la prima – e non certo ultima – manifestazione studentesca del mese.

Sul versante dell’istruzione pubblica ci troviamo di fronte ad una situazione di stasi. Il Governo Lega-5Stelle continua con la Buona-Scuola renziana, contro la quale già ci siamo mobilitati manifestando contro il precedente esecutivo. Continueremo ancora oggi questa battaglia basata sui contenuti.
L’alternanza Scuola-lavoro è stata una vera spada di Damocle pendente sull’integrità fisica degli studenti e sul corretto svolgimento della didattica. Con la sua logica di servitù, ha di fatto svilito il ruolo dello studente, semplicemente offerto come facile manodopera a costo zero per gli interessi dei privati di turno.
La manifestazione servirà anche a riportare l’attenzione su un altro tema di scottante attualità: quello del caro libri e dei costi sempre maggiori che le famiglie devono sopportare per poter fornire ai figli quel giusto livello d’istruzione che invece dovrebbe essere garantito. Il costo dell’istruzione viene a ragione individuato come una delle cause primarie dell’abbandono scolastico.
Non è migliore lo stato dell’edilizia: la quasi totalità degli edifici non rispetta i criteri antisismici e le adeguate norme di sicurezza. Elemento da non sottovalutare, in un Paese come l’Italia dove il rischio sismico raggiunge in alcune zone dei picchi preoccupanti. Nello scorso anno sono stati troppi i solai crollati. NON VOGLIAMO TROVARCI A PIANGERE DINANZI AL FATTO COMPIUTO.
La didattica soffre della crisi strutturale che coinvolge tutto il sistema dell’istruzione pubblica e i suoi contenuti sono di dubbia applicazione. Gli insegnanti, sottopagati nonostante il monte ore maggiore di lavoro rispetto ai colleghi europei, si trovano a dover gestire classi pollaio di ben 30 studenti, venendo addirittura continuamente umiliati e mortificati dalle dichiarazioni e dalle pessime uscite di politici ed esponenti degli ultimi Governi.

Dinanzi a tutto ciò chiamiamo in massa gli studenti ad aderire ed impegnarsi nella riuscita di questa manifestazione. Non un passo indietro, nemmeno per prendere la rincorsa!

di Salvatore Ferraro, resp. Naz. Scuola e Università FGCI

e Gennaro Chiappinelli, dip. Scuola e Università FGCI