Home Home I costi esorbitanti del TFA sostegno ostacolano il diritto alla formazione

I costi esorbitanti del TFA sostegno ostacolano il diritto alla formazione

di Salvatore Ferraro, Responsabile Istruzione FGCI

I costi esorbitanti del TFA sostegno sono un grave ostacolo al diritto alla formazione dei tanti docenti che vogliono cimentarsi in questo percorso.

Si parla di cifre che si aggirano in media intorno ai 3000 euro e che in alcune aree superano addirittura la quota dei 3500; costi che andranno inevitabilmente a colpire la domanda di formazione, scaricata totalmente sui docenti.

Una grande assurdità, se consideriamo che un gran numero di posti sul sostegno non sono coperti da personale qualificato. Solo quest’anno più di 50.000 posti riservati al sostegno sono rimasti scoperti e attribuiti a docentinon specializzati.

Per far fronte a questa problematica il Miur non solo ha aumentato il prezzo per il corso della specializzazione su sostegno, ma spalmerà inoltre, su un totale stimato di circa 40000 posti nei prossimi 3 anni, l’acquisizione di tale abilitazione. Una vera vergogna!

Tale questione si inserisce in un quadro generale dei costi della formazione che arricchiscono esclusivamente gli enti di formazione e le università senza fornire in cambio un servizio idoneo, una vera formazione, rilasciando esclusivamente dei titoli “utili” solo nell’ottica di chi aspira a racimolare punti su punti per scalare le graduatorie per l’insegnamento o concorrere

a punteggi maggiori nei concorsi. Insomma, costi esosi che non tutti possono permettersi e/o che in molti fanno fatica a sostenere

La FGCI denuncia questa situazione intollerabile e si mobilitano per un radicale cambiamento delle politiche di reclutamento dei docenti.