Home Home Altro giro, altro rider investito.

Altro giro, altro rider investito.

di Fabio Ferraris, FGCI Parma

Continua imperterrita e inesorabile l’infinita striscia di incidenti che vedono protagonisti i rider.
Che facciano parte di grandi multinazionali o di piccoli ristoranti a conduzione familiare poco importa: ogni sera imbracciano il loro mezzo di trasporto e confermano cibo a clienti che pretendono il totale comfort come servizio esclusivo da parte di questi lavoratori esposti, di notte in notte, ai pericoli della strada.

L’ennesimo caso poche sere fa. Durante il servizio di consegna tra le vie della nostra città, un giovane rider viene sbattuto a terra, investito da una vettura.
Il giovane in questione non si trova in condizioni fisiche gravi (al contrario del rider bolognese morto sul lavoro la scorsa settimana), ma grave è la mancanza di preoccupazione da parte delle istituzioni e di chi dovrebbe proteggere i laboratori, i “portacibo” in particolare, troppo spesso abbandonati al proprio insicuro.

È ora di fermare questo scempio, è ora di alzare la testa e prendere sicurezza sul posto di lavoro, troppo spesso pieno di insidie.
È ora di acquistare nuovamente la dignità del lavoro, che questo governo (insieme a quelli precedenti) vogliono denigrare e svilire come mai prima d’ora.

Non un passo indietro, riprendiamoci quello che ci spetta!