Home #NuovaGenerazione Fuori il Capitano dalle scuole!

Fuori il Capitano dalle scuole!

di FGCI Pescara

Il Liceo Classico Gabriele D’Annunzio di Pescara torna nuovamente a rendersi protagonista di una vicenda ambigua e decisamente imbarazzante.
Contemporaneamente ai paradossali quanto assurdi problemi di gestione dei social network che sono emersi negli ultimi giorni, è stato segnalato che l’account instagram del Liceo G. D’Annunzio segue gli account ufficiali della Lega Salvini Premier e dello stesso Matteo Salvini.

Infatti nonostante non sia un segreto che la Dirigente Scolastica del Liceo sia stata proposta dalla Lega Pescara come possibile candidato sindaco della coalizione di centrodestra per le scorse elezioni amministrative, è comunque gravissimo e allo stesso tempo inaccettabile che un canale di comunicazione di un’istituzione pubblica esprima delle tendenze politiche così esplicite, ancora più grave poi se si parla di un’istituzione deputata alla formazione dei giovani quale è un liceo classico: la scuola pubblica infatti dovrebbe stimolare lo sviluppo del pluralismo e del dibattito politico all’interno delle sue mura, ma non può in alcun modo mostrare nessun tipo di sbilanciamento o preferenza che potrebbero avere delle influenze sul pensiero critico dei ragazzi.

Giusto un anno fa lo stesso “Capitano” Matteo Salvini (all’epoca Ministro degli Interni) aveva suggerito di “cambiare mestiere” agli “insegnanti che fanno politica in classe”, chissà cosa avrebbe da dire sulla vicenda in questione…

La Federazione Giovanile Comunista Italiana Pescara invita vivamente la Dirigente Scolastica Donatella D’Amico a fare chiarezza sul fatto e le suggerisce di riporre maggiore attenzione alle modalità di comunicazione sui mezzi d’informazione della propria scuola, magari preoccupandosi di fornire agli attuali responsabili della comunicazione adeguati corsi di formazione sul tema della comunicazione istituzionale, onde evitare che si ripetano simili circostanze che sicuramente ledono il buon nome del Liceo Classico Gabriele D’Annunzio e della sua dirigenza.